Supervisione Gentlecare®

LogoOttima homepage

Il sistema di cura Gentlecare®, ideato dalla terapista occupazionale canadese Moyra Jones, individua come obiettivo fondamentale il benessere della persona e di chi gli sta vicino e come strumento operativo la protesi di cura.

Molte persone hanno scelto Gentlecare in enti e regioni diverse, accomunate dalla passione e dall’idea.

Perché scegliere un modello di riferimento? Il modello è un insieme di idee che serve a pianificare l’azione, è una mappa che ci orienta nell’azione e ci permette di sapere perché facciamo le cose che facciamo. Perché Gentlecare? Gentlecare è applicabile nei diversi contesti, realizzabile con modalità diversificate a secondo delle risorse, si basa su fondamenti semplici, e ci sollecita a rispondere costantemente a queste semplici ma essenziali domande: stanno bene gli anziani che ci sono affidati? Qual è la qualità della vita della loro esistenza quotidiana? Come se la cavano le loro famiglie? che si può e si deve pensare in modo nuovo ai servizi per anziani.

Il metodo Gentlecare permette di ricomporre ciò che il tradizionale modello biomedico ha scomposto e rende necessario integrare gli aspetti clinici, la relazione terapeutica e la forma organizzativa. Il benessere della persona affetta da demenza è strettamente correlato al benessere del personale, dei familiari e dei volontari.

Pertanto è fondamentale che tutti coloro che, con diverse qualifiche e professionalità, operano nei servizi alla persona di diversa tipologia, possono essere accomunate dalla centralità della persona, intendendo in questo caso non solo la centralità del “cliente” che per diversi motivi si trova in uno stato di bisogno e difficoltà, ma anche la centralità dell’operatore e del gruppo di lavoro di cui fa parte (equipe), ovvero il corpo curante che interagisce con i soggetti a cui esso rivolge i propri sforzi all’interno di un setting organizzato.

La centralità dell’operatore, del suo equilibrio e conseguentemente del suo benessere, passano attraverso uno strumento di formazione continua e di supporto.

Tale strumento è la supervisione, intesa non solo come forma di “manutenzione” degli operatori socio-sanitari ed educativi (Braidi, Cavicchioli, 2006), come importante strumento di prevenzione del burn-out e di miglioramento della qualità dei Servizi.

L’applicazione del metodo Gentlecare per l’équipe di un servizio rappresenta quindi la possibilità di condividere obiettivi e modalità operative, gestione dello spazio e delle attività, relazioni con gli anziani e i familiari.

La supervisione Gentlecare svolta dai professionisti di Ottima Senior prevede le seguenti modalità:

  • Supervisione gestionali e organizzative alle equipe dirigenziali, di area,di nucleo;
  • Supervisione all’applicazione del metodo Gentlecare, successiva alla fase di formazione,finalizzata all’analisi del livello di applicazione del modello e al supporto nella sua implementazionenei servizi residenziali e domiciliari;
  • Supervisione alla gestione di servizi per anziani residenziali e domiciliari;
  • Incontri semestrali di Equipe Gentlecare;
  • Supporto all’equipe nella costruzioni di protesi personalizzate ambientali o legate alla vita quotidiana per gli anziani affetti da demenza